Viserbella chiama, Hollywood risponde

Home / Blog / Viserbella chiama, Hollywood risponde
Viserbella chiama, Hollywood risponde

“Com’è il tempo in America?”, comincia con questa domanda della nostra ospite Tullia il collegamento Skype oltreoceano con il figlio Peter.

Con grande naturalezza e senza alcun timore reverenziale nei confronti della tecnologia, Tullia ha dato ufficialmente il via al programma Oasi Serena 2.0, ovvero il progetto di inclusione digitale che consente agli ospiti della struttura di usufruire delle potenzialità di internet e, allo stesso tempo, di apprendere le principali modalità per approcciare l’uso del computer. Un efficace modo per continuare a imparare e mantenersi attivi anche in tarda età.

“Qui è una splendida mattina di sole!” è la pronta battuta di Peter alla quale corrisponde un misto di emozione e di stupore della mamma appena vede apparire il figlio in videoconferenza: “sei dentro la televisione e sei bellissimo!”.

Tullia e Peter in collegamento Skype

Peter, insieme alla moglie Annie, vive ormai da alcuni decenni a Hollywood dove esercita la professione di attore negli studios che hanno fatto la storia del cinema americano e mondiale. Recentemente ha partecipato alla realizzazione di Live by Night (La legge della notte) diretto da Ben Affleck.

Nonostante mamma e figlio si sentano telefonicamente tutte le settimane e durante l’estate si incontrino di persona, il potere della rete offre occasioni uniche. Come ad esempio la visita virtuale della casa di Peter, incorniciata dalla raffica di commenti e domande di Tullia “che belle piante…”, “ma ci sono delle stanze grandissime!”, “…e come si chiama quel bel cagnolino?”. Shanti, questo è il nome della bestiola, pare quasi di aver sentito e si mette in posa davanti alla webcam. Per Tullia è praticamente impossibile non farsi sfuggire una genuina risata.

Non è scritto da nessuna parte che alle generazioni “mature” debbano essere interdetti i nuovi strumenti di conoscenza solo perché loro appartengono a un mondo “d’altri tempi”. Anzi, questo primo approccio (di una lunga serie) con il web ha dimostrato come l’età non rappresenti affatto una barriera. “Nothing is impossible”, direbbero in California.

“Baci, baci, baci…” è il saluto reciproco fra madre e figlio. Il nuovo appuntamento con Skype è fissato per la prossima settimana e c’è da giurarci che d’ora in avanti diventerà una piacevole quanto irresistibile abitudine.

Share

One thought on “Viserbella chiama, Hollywood risponde

  1. E’ stato piacevolissimo e bellissimo sia per me che, sono sicuro, per la mamma. Bravi, la tecnologia ci aiuta ad essere vicini. Ottima idea e non vedo l’ora di richiamare la prossima volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *